Formula E, ePrix Londra 1: vince Dennis

0
412

Dominio di Jake Dennis nel dodicesimo round del mondiale. L’inglese si è imposto nel primo appuntamento del week end dell’ePrix di Londra 2021 di Formula E, precedendo Nick De Vries che riporta la Mercedes sul podio e Alex Lynn. Ritirato il leader del mondiale Sam Bird che in partenza ha tamponato Alexanader Sims.

Il ritorno della Formula E a Londra non ha tradito le attese, con Dennis che una volta conquistata la leadership a metà gara sfruttando un errore di Lynn che stava tentando di riprendersi la 1° posizione, e utilizzando l’attack mode, nel momento giusto ha allungato, andando a conquistare senza problemi nell’ePrix di casa la seconda vittoria stagionale, e salendo al 2° posto nel mondiale.

Grande battaglia invece alle sue spalle, dove uno scatenato De Vries rimontando sette posizioni rispetto alle qualifiche, ritrovando il feeling con la Mercedes di inizio stagione, nel finale ha superato Lynn tornando in lotta per il mondiale.

La stessa manovra non è riuscita a Sebastian Buemi che si è dovuto accontentare della 4° posizione. Dietro allo svizzero Andrè Lotterer e Renè Rast il quale nell’ultimo giro ha vinto la sfida in casa Audi passando Lucas Di Grassi.

Passo in avanti rispetto alle ultime gare anche per l’altra Mercedes di Stoffel Vandoorne 8°, davanti ad Antonio Felix Da Costa che riduce a 3 punti il distacco da Bird, mentre Oliver Rowland completa la top ten.

Fuori dalla zona punti Edoardo Mortara 11°, lontano dai livelli di New York Nick Cassidy 13° e Jean-Eric-Vergne 14° condizionato oltre che da una brutta qualifica anche da un problema tecnico che l’ha costretto a subire una penalità, sempre in difficoltà Robert Frinjs 15°. La giornata da dimenticare per la Jaguar è completata da Mitch Evans 17°, crollato dopo un buon inizio Seat Camara 20°.

Al termine di gara 1 dell’ePrix di Londra, nella classifica piloti in testa sempre Bird con 81 punti, seguono Dennis 79, Da Costa 78. Nella classifica a squadre Ds Techeetah e Virgin Racing 146, Jaguar 141.

Fonte: Automoto.it