Delta Safarista, l’auto regina dei rally torna a vivere

0
743

Uno dei miti dell’automobile torna a vivere con la Delta Safarista, basata sulla Delta Futurista firmata da Automobili Amos, che riprende una delle vetture iconiche da rally, la Lancia Delta che nel 1988 con Miki Biasion e Tiziano Siviero vinse il Rally Safari. L’auto presenta tutte le caratteristiche di una vettura nata per l’off road come l’assetto rialzato, i pneumatici tassellati con copricerchi di carbonio o i paraspruzzi di plastica.

Anche gli interni mantengono fede alla sua vocazione da rally tanto che l’arredamento è in stile minimal con un moderno display, sedili, cinture e leva del cambio specifici, così come il comando verticale del freno a mano idraulico. La Delta Safarista di Automobili Amos sarà prodotta in non più di 10 esemplari, tutti altamente personalizzabili dai clienti per la cifra di circa 570 mila euro l’una.

Ken Block sceglie l’auto elettrica: si chiama Audi S1 Hoonitron ed è la nuova vettura creata dal pilota americano insieme alla casa tedesca. Una vettura ispirata alla Audi Sport Quattro S1 che corse alla Pikes Peak Hill Climb negli anni ‘80 e che può vantare due motori elettrici, trazione integrale, telaio in fibra di carbonio e tutti gli standard di sicurezza prescritti dall’organo di governo del motorsport, la FIA.

La nuova vettura può vantare diversi richiami alle classiche auto da corsa, come il gigante alettone posteriore, le luci da rally e altro ancora, tutte caratteristiche interpretate attraverso il moderno linguaggio di design e-tron della casa automobilistica tedesca. L’auto, della quale non è stata rivelata la potenza, è stata costruita nello stabilimento Audi di Neckarsulm e seguirà il pilota americano nel suo nuovo progetto dal titolo provvisorio Elektrikhana.

Fonte: Allaguida