Category Archive : Novità

Audi RS 7-R, estrema con il tuning di ABT Sportsline

Il motore V8 bicilindrico standard da 4,0 litri che alimenta Audi RS-7 produce 600 CV e 800 Nm, diretto dal sistema di trazione integrale Quattro attraverso un cambio automatico a otto velocità. ABT non dichiara quanto è veloce il suo modello Audi RS 7-R, ma l’auto di serie sappiamo completa l’accelerazione 0-100 km/h in 3,6 secondi e raggiunge un limite elettronico di velocità di 250 km/h, sebbene può essere portato a 280 o 305 km/h con il pacchetto Dynamic opzionale o Dynamic Plus Package. L’attuale coppia massima parla di 740 CV (140 CV in più quindi rispetto alla versione originale) e 900 Nm di coppia massima. Ma ABT ha inoltre introdotto nuove sospensioni regolabili e ha affidato il reparto ruote a cerchi High Performance HR da 22 pollici di diametro. Anche l’abitacolo è stato personalizzato con una cura, con dettagli in carbonio per la maggior parte delle rifiniture e tappezzerie esclusive con il logo RS 7-R.

Fonte: Allaguida

Salone di Parigi 2020, format diverso causa Coronavirus

Salone di Parigi 2020 non avrà luogo nella sua modalità consueta a causa della pandemia di Coronavirus attualmente in corso nel mondo. Gli organizzatori della kermesse parigina, in programma dal 30 settembre all’11 ottobre, hanno fatto sapere tramite una nota diffusa alla stampa che «In considerazione della gravità della crisi sanitaria senza precedenti di fronte alla quale il settore dell’automobile, colpito duramente dall’ondata di choc economico, si gioca la propria sopravvivenza, siamo dispiaciuti di annunciare che non saremo in grado di mantenere il Mondial de l’Auto nella sua forma attuale per l’edizione 2020».

«Nulla sarà come prima – si legge ancora – e questa crisi deve insegnarci ad essere agili, creativi e più che mai innovativo. Per il momento, il nostro pensiero va a chi è toccato personalmente dalla pandemia, al nostro personale sanitario, ma anche ai nostri clienti, le cui aziende fanno fronte con grande determinazione agli impatti economici di questa crisi sanitaria». Il Salone di Parigi 2020 avrebbe dovuto avere un format inedito, con eventi in città: questi appuntamenti, fanno sapere dall’organizzazione, non sono al momento a rischio.

Dalle parole della nota stampa degli organizzatori si intuisce come la decisione di annullare la parte dell’evento in fiera non sia dovuta tanto al timore che la pandemia si protragga per altri sei mesi, quanto alle potenziali devastanti conseguenze dell’emergenza COVID-19 sul settore dell’auto. Sempre più case rinunciano ai Saloni per investire altrove le proprie risorse, e, in una congiuntura economica sfavorevole come quella che si prospetta, la tendenza era destinata a peggiorare. Per il momento resta confermata Movin’On Paris, la due giorni sulla mobilità del futuro che avrebbe preceduto il Salone.

Fonte: Automoto.it

FCA Dopo il virus, Lancia Delta PHEV

Se dura a lungo, alcune di quelle nuove solo ieri, saranno già meno interessanti ancor prima di provarle bene. Quelle super innovative pensate per il domani, saranno troppo costose. Mentre certe quarantenni, se reinventate nel modo corretto e “misurato”… Ecco allora in queste immagini di puro render, una potenziale Lancia Delta, che ritorna. Uno stile che cambia, di poco, per essere bello più di allora.

FCA adesso ha ben altro cui pensare, ma per pensare avanti servono anche progetti concreti e poche variabili incerte, oltre al già incertissimo trend di mercato. Allora i fan smaniano pensando a pianale dedicato alle gare dal gruppo, inclusa PSA ovviamente, per dividere i costi (cosa si sono sposati a fare?). Pianale che si spende non solo per le Peugeot o le Citroen dei Rally. È cosa certa, la ottima potenzialità del marchio Lancia. Incerta la parte finanziaria, specie oggi, ma se FCA non è più sola, fantasticando un po’… Ecco le immagini di render adatte, a una nuova Lancia Delta con due portiere ai lati e omologazione per correre i Rally, veri.

Dopo Yaris, Fiesta e Polo… Tocca a PSA con FCA

Linee arci note con smussi e bombature coerenti ai tempi di oggi, senza snaturare. Sarebbe un successo di passione, indipendentemente dai colori. Se fanno bene i conti in FCA, tra crisi sociale, economica e sanitaria, quei ragazzi che amavano le vecchie Delta e possono permettersi oggi una potenziale erede, non la attenderanno ancora per molto, specie se in versione cattiva e poco confortevole rispetto ai tanti SUV.

Allora non resta che attendere, le decisioni dei consigli congiunti, non appena avranno finito di tagliare quanto in eccesso dopo il dilagare del Covid-19. Commentando i passaruota, il montante, le minigonne o l’alettone di questi disegni che aprono alla fantasia senza contare, purtroppo, la durissima fase industriale o finanziaria. Della seconda ne leggete qualcosa qui e dell’altra volendo, ne parliamo anche in queste settimane durante le nostre dirette social, a cui potete partecipare.

Fonte: Automoto.it

Tutte le auto “fermate” dal Coronavirus nel 2020

Sono tante le auto che vedranno la luce in tempo di quarantena, tra debutto, presentazione e messa in commercio; in questo articolo andremo a scoprire, mese per mese, le tante novità del settore automotive, che si mostreranno al mondo in sordina, in attesa di essere toccate con mano non appena la situazione di contenimento dovuta dal coronavirus si normalizzerà. I costruttori, intanto, stanno facendo del loro meglio per rallentare i propri piani temporali, del resto il mercato è per ora congelato e salvo alcune eccezzioni, non si uscirà da questa situazione di stallo ancora per qualche mese.

Partiamo allora proprio dal mese in corso, Marzo, che vede tra le tante novità non solo Golf 8 ma anche Fiat che offre le nuove 500 e Panda Hybrid e Peugeot che rinnova la gamma con 3008 e 508 in variante plug-in Hybrid. Anche Porsche non è da meno, e va ad aggiornare il proprio listino con le nuove Macan GTS e le 718 GTS 4.0, sia in versione Cayman che Boxster. Il Gruppo BMW avanza con la nuova serie 2 Gran Coupè e la Mini Cooper SE. Importanti novità anche per Skoda, che ha introdotto la versione ibrida (iV) di Superb ma anche la nuovissima Octavia, che ha subito un importante restyling interno ed esterno.

Fonte: Automoto.it

“Cura Italia“: sospesi notifica e pagamento multe

L’attività di notifica e pagamento delle contravvenzioni è ufficialmente “cristallizzata“, sospesa fino al prossimo 3 aprile: è una delle norme inserite nel Decreto “Cura Italia”, che appunto rinvia fino all’inizio del prossimo mese tutte le operazioni relative a notifiche dei verbali, pagamenti delle multe ed eventuale apertura di pratiche di ricorso contro provvedimenti sanzionatori.

Inoltre, lo stesso Decreto del 17 marzo aumenta da 5 a 30 giorni i termini per il pagamento in misura ridotta del 30% della sanzione, a far data dalla contestazione o notifica della violazione.

In conseguenza di tali novità, in una nota ufficiale, la Polizia Stradale “invita gli utenti a non recarsi nei propri uffici se non per particolari e documentate situazioni di necessità ed urgenza”.

Fonte: Automoto.it

WRC 2020. Rally Mexico. Domenica cancellata. Si finisce con la PS 21

Ogni giorno che passa un Paese chiude le sue frontiere, ogni ora una compagnia aerea cancella una rotta e centinaia di voli. La situazione continua a precipitare e le decisioni arrivano ancora in cascata, si continua ad imparare dagli errori degli altri. La via è una sola: chiudere tutto per il tempo di decadimento della virulenza e della sua diffusione.

Non è coronavirus diretto. Il Messico non è ancora un Paese a rischio diretto, il monitoraggio di diffusione del coronavirus registra 26 casi, nessun decesso e 1 guarito. Cifre trascurabili, ridicole rispetto al record cinese ormai fermo e minacciato da vicino dall’attacco dei Paesi occidentali.

Il problema è il rientro della carovana del WRC. Di Piloti, Manager, Tecnici, il personale, giornalisti e media, spettatori. Tutti coloro, insomma, che sono impegnati fuori casa per seguire o lavorare sul Rally e che potrebbero avere delle difficoltà a rientrare in Patria.

Fonte: Automoto.it

Coronavirus: proroga per gli esami della patente

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti informa di aver prorogato, con effetto immediato, i termini per sostenere le prove dell’esame di patente.

Il provvedimento – varato a seguito della sospensione degli esami per il conseguimento delle patenti di guida presso gli Uffici della Motorizzazione Civile prevista dai Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’8 e del 9 marzo 2020 per il contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 – intende tutelare i candidati che dovevano sostenere le prove, sia quelle di teoria che di pratica.

In particolare, in base a quanto disposto, gli esami di “teoria” potranno svolgersi oltre il normale termine di sei mesi dalla presentazione della domanda, senza necessità di presentare un’ulteriore richiesta, entro il 30 giugno 2020, con regolare prenotazione presso il competente Ufficio Motorizzazione civile.

Allo stesso modo, le autorizzazioni ad esercitarsi alla guida (il cosidetto “foglio rosa”) con scadenza compresa tra il 1° febbraio e il 30 aprile 2020, sono prorogate fino al 30 giugno 2020.

Fonte: Automoto.it

Coronavirus e automotive: le fabbriche cinesi pronte a ripartire

Dopo un mese e mezzo di inverno buio e freddo da tutti i punti di vista, in Cina sta tornando la luce. Anche sul cielo degli abitanti di Wuhan dove l’epidemia di Coronavirus ha avuto il suo epicentro per poi propagarsi in tutto il mondo.

Per questo arrivo della primavera cinese in anticipo mancano ormai poche ore, poiché le autorità cinesi hanno lasciato intendere che mercoledì 11 marzo potrebbe essere il giorno in cui sulla regione del primo focolaio potrebbe essere alleggerita dalla pesante quarantena che l’ha isolata dal resto del Paese a partire dallo scorso 23 gennaio.

Se così fosse, a breve, la vita industriale di quella che è definita come una delle principali tra le Detroit cinesi ripartirebbe, se non a pieno ritmo quantomeno in condizioni tali da poter garantire una ripresa delle produzioni e, di conseguenza, anche del processo di fornitura alle tante realtà dell’industria automobilistica che hanno dovuto fermarsi per l’impossibilità di rifornirsi della componentistica prodotta dalla miriade di imprese dell’indotto cinese.

L’efficacia delle misure imposte dalle istituzioni e il grande senso civico dei cinesi di rispettarle alla lettera hanno dato un contributo non indifferente a salvare un’economia che, viceversa, se la crisi sanitaria avesse avuto un decorso più lungo, avrebbe rischiato la bancarotta.

Fonte: Automoto.it

Coronavirus: California dichiara stato d’emergenza. E’ il più grande mercato USA

Dopo Washington e Florida, anche la California dichiara lo stato d’emergenza per far fronte all’epidemia del Coronavirus in seguito al primo decesso degli 11 casi sinora acclarati in tutti gli USA. Nel Golden State i contagiati confermati al momento sono più di 50 su 129 in tutti gli Stati Uniti.

Il Governatore Gavin Newsom ha dunque annunciato misure speciali che si aggiungono a quelle prese dal Congresso, che ha appena varato un piano da 8,3 miliardi di dollari in risposta al numero crescenti di casi di contagio da Covid-19.

La West Coast al momento sembra l’area del paese più colpita: uno dei maggiori focolai individuati è la nave da crociera Diamond Princess, dove sono stati accertati 46 contagiati su circa 2.500 persone presenti a bordo e che si trova in isolamento nel porto di San Francisco.

Il numero dei contagiati potrebbe probabilmente aumentare nelle prossime settimane, stando a quanto successo altrove, ma è ancora presto per fare pevisioni sull’economia dello stato più ricco degli USA che è anche il più grande mercato del Nordamerica in termini di volumi di vendita di automobili, con circa 2 milioni di auto vendute nel 2019 sui 17 milioni di tutto il paese.

La West Coast è però meno esposta alle misure che potrebbero rallentare il mercato in termini di produzione. In California l’unico stabilimento in cui si assemblano automobili è quello di Tesla, mentre il resto delle Case, sia americane che europee o giapponesi, produce principalmente in Michigan, Illonois, Kentucky ed Ohio.

Goodyear: le novità 2020 per il presente, per il futuro e per l’ETCR

Anche il 2020, Goodyear ha preparato interessanti novità che riguardano le quattroruote: la prima è uno pnumatico dedicato a vetture con cerchi dai 15″ ai 18″, l‘EfficientGrip Performance 2; la seconda, invece, è un concept di uno pneumatico del futuro che è in grado rigenerarsi e adattarsi alle condizioni climatiche. Ma non è tutto: quest’anno Goodyear sarà fornitore unico di gomme per il campionato mondiale delle elettriche ETCR.

Il presente

I tecnici Goodyear hanno lavorato su diversi fronti per migliorare questo pneumatico: l’elasticità e flessibilità del battistrada è stata aumentata per ridurre l’usura del pneumatico (quasi il 50% in meno rispetto al suo predecessore) causata da condizioni stradali difficili, mantenendo alto il livello di grip su bagnato e asciutto. Per essere ancora più performante la gomma con la pioggia, sono stati alungati gli intagli e la mescola è meno rigida, così che migliori l’evacuazione dell’acqua e si riducano gli spazi di frenata sul bagnato.

Al centro della gomma, invece, le costolature del battistrada sono stati allargate e offrono più stabilità in situazioni di emergenza. Il nuovo Goodyear EfficientGrip Performance 2 sarà disponibile in 45 misure, che verranno introdotte durante il corso dell’anno: l’immagine qui sotto ci fornisce una rapida preview.

Fonte: Automoto.it